L'I.S.V.N.A. è un Istituto privato di natura associativa, fondato il 28 gennaio 1970 con il fine di dedicare al problema di Noto Antica le più grandi e appassionate energie, unite alla ferrea determinazione di agire su tutti i fronti (studi storici, ricerche archivistiche, scavi archeologici, manifestazioni, mostre, convegni, promozione turistica, tutela dell'ambiente naturale) per imporlo all'attenzione di quanti – Comune, Provincia, Soprintendenze, Università, ambienti culturali diversi – avrebbero dovuto o potuto essere coinvolti nella sua soluzione.
Si trattava di un problema di enorme complessità, una generosa utopia che solo la tenacia e l'amore immenso di quanti gli hanno dedicato le loro energie ha potuto via via precisare e studiare, risolvendone alcuni aspetti prioritari, impedendo anzitutto abusi edilizi e tentativi di speculazione, premendo sul Comune perché acquistasse l'intero sito su cui sorgeva l'antica Noto, individuando infine lo strumento più idoneo a far sì che gli Enti pubblici più interessati, ai quali è demandata la tutela e la valorizzazione dei Beni Culturali (di cui il Monte Alveria è uno dei più straordinari esempi esistenti al mondo) potessero insieme, riunendo competenze dirette e risorse finanziarie, dedicarsi in maniera non più episodica, ma costante ed istituzionale, alla realizzazione di quella che appariva ormai non più un'utopia, ma un'impresa possibile, difficile, certo, di lunghissima durata, senza dubbio, ma ormai decisamente avviata a soluzione.
L'I.S.V.N.A. degli inizi, che si occupava per Statuto solo di Noto Antica, grazie al continuo incremento di consensi, acquisì nel tempo autorevolezza tale da potersi dotare di un nuovo Statuto che dal 1997 gli consente di occuparsi, oltre che dell'Antica Madre – alla quale continua però a dedicare costante e preminente attenzione – anche della nuova Noto, i cui problemi non sono meno complessi e molteplici.
Oggi più che mai, a 50 anni dalla fondazione, l'Istituto rappresenta, con quasi 500 soci, la voce più autorevole del panorama culturale netino, per la costanza, la serietà, la dedizione, i frutti scientifici delle sue pubblicazioni, l'opera di divulgazione e formazione civica, specie tra gli studenti, la presenza capillare nella città, la considerazione di cui gode fra i suoi corrispondenti italiani e stranieri.
È un esempio di sana netinitas, che rifuggendo dal gretto municipalismo di chi si limita a contemplare un passato che non ha costruito, preferisce ispirarsi ad esso per contribuire a scrivere la storia di oggi e preparare quella di domani.
Per questo l'I.S.V.N.A. non è una casta, né un'associazione di categoria, né un circolo, né tanto meno un partito. Per questo vi aderiscono, in unità d'intenti, accomunati da un sentimento di profondo amore alla piccola patria netina, uomini e donne della più diversa estrazione politica e di tutte le classi sociali, dai magistrati, prelati, professionisti, funzionari agli operai, artigiani, commercianti, studenti, pensionati.
Per questo gode, anche fra tanti non netini (circa il 20% dei Soci), di così vasti consensi e simpatie, che gli danno forza, quella forza necessaria per guardare avanti, verso sempre più ambiziosi traguardi: la sua unica aspirazione, ieri, oggi e domani resta quella di contribuire con disinteressata dedizione al progresso culturale e civile della città, perché, come ebbe a dire uno dei suoi soci più illustri,

l'I.S.V.N.A. prima ancora che un'Associazione, è un'Idea“



clicca qui per leggere lo Statuto

  Aggiornato il 09 gen 2021 segreteria@isvna.it