Monografie
1990-1999
(in ordine cronologico)

Noto Antica 20 anni dopo, ventennale dell'I.S.V.N.A., Noto 1990

I risultati culturali e operativi conseguiti dall'Istituto in favore di Noto Antica nei primi vent'anni di attività sono compendiati in questo opuscolo, apparso nel 1990, che illustra, anno dopo anno, le singole iniziative e gli ulteriori passi avanti nella valorizzazione del sito, resi possibili dalla collaborazione con il Comune, nonché il progresso negli studi storici, grazie alla massiccia consultazione di documenti d'archivio.

Francesco Balsamo, S. Corrado di Noto. Biografia critica e storia del culto, Noto 1991

Dopo un'accurata analisi delle fonti antiche e delle biografie dei secc. XV-XX, l'opera (corredata da ben 400 note e varie foto) restituisce alla biografia del Santo Patrono, nato a Piacenza nel 1290 e morto a Noto nel 1351, la sua limpida essenzialità, sfrondandola da tutte le incrostazioni leggendarie accumulatesi nel corso dei secoli. Segue una completa storia del culto, dalla fine del Trecento ad oggi.

Francesco Balsamo - Vincenzo La Rosa (a cura di), Corrado Confalonieri – la figura storica, l'immagine e il culto, Noto 1992

Si tratta del volume di Atti delle Giornate di Studio svoltesi a Noto nel maggio 1990, nel contesto delle Celebrazioni per il VII Centenario della nascita del Santo. Consta di 15 contributi di vario genere (storici, antropologici, musicali, artistici, liturgici, paleopatologici, ecc.) il cui insieme costituisce una pietra miliare difficilmente superabile negli studi corradiani.

Francesco Balsamo, Città ingegnosa – sintesi di storia netina, Noto 1992

Originariamente dedicata agli studenti, per favorire la conoscenza della storia della loro città, l'opera (che dalle epoche più antiche giunge fino ai nostri giorni) costituisce anche per gli studiosi e i comuni lettori una agevole sintesi (corredata di letture antologiche e numerose illustrazioni), un utilissimo strumento di conoscenza. Il titolo dell'opera riproduce quello concesso a Noto, città fervida di ingegni, da Ferdinando il Cattolico, con diploma 23 giugno 1503.

Francesco Balsamo (a cura di), Noto nelle cronache settecentesche di Filippo Tortora e Ottavio Nicolaci, Noto 1993

Quest'opera fu pubblicata nell'ambito delle Celebrazioni per il III Centenario della distruzione di Noto, a causa del terremoto dell'11 gennaio 1693 e della sua rifondazione, iniziata qualche mese dopo, 14 km a S.E. dell'antica città. Comprende le cronache del P. Filippo Tortora (1712) e del nobile Ottavio Nicolaci (1750 c.), con alcuni passi di una terza cronaca anonima del tardo Settecento. Abbondanti le note di commento.

Francesco Balsamo, Noto nel Seicento, Noto 1994

Pubblicato in previsione del XXV di fondazione dell'Istituto (1995), il volume presenta una ricca sintesi storica del Seicento netino, contrassegnato ancora da opulenza ma già avviato alla decadenza rispetto al secolo precedente. Seguono un Regesto di 35 documenti, una Bibliografia essenziale e, in appendice, la trascrizione integrale di due preziose descrizioni della magnifica festa estiva di S. Corrado, l'una del 1620, l'altra del 1653.



Francesco Balsamo - Salvatore Maiore, Noto dal disastro dell'Alveria alla ricostruzione sul Meti (1693-1712), Noto 1995

L'opera, resa possibile da mesi di fruttuose ricerche nell'Archivio della Curia Vescovile di Noto, ricostruisce minutamente la “storia del popolo” netino, dalla terribile notte seguita alla distruzione della città dell'Alveria (11 gennaio 1693) agli inizi della ricostruzione sul nuovo sito del Meti. Il rigore storico, documentato con circa 400 note, si sposa felicemente con una narrazione lineare e avvincente, capace di creare nel lettore intense suggestioni.


Gaetano Giammanco, Memorie storiche netine, Noto 1997

L'opuscolo vide la luce nell'ambito delle iniziative culturali promosse dall'I.S.V.N.A. per il 150° di fondazione della Biblioteca Comunale (1847). Consiste nella parte finale delle Memorie storico-notinesi e nel testo integrale delle Notizie storiche notinesi, opere entrambe fino ad allora inedite, riguardanti i convulsi avvenimenti dell'Ottocento netino. Le illustrazioni riguardano monumenti e personaggi del periodo borbonico.


Vincenzo Littara, Storia di Noto Antica - Traduzione e note di Francesco Balsamo, Noto 1997

È la II edizione (riveduta e corretta) della traduzione italiana del De Rebus Netinis apparsa agli inizi dell'attività dell'I.S.V.N.A. (v.). La revisione si è giovata del grande progresso degli studi archivistici e di una più matura conoscenza del non facile latino tardo-umanistico del letterato netino. L'opera è impreziosita da illustrazioni in quadricromia, fra cui il panorama secentesco dell'antica Noto e i ritratti di personaggi illustri del XV e XVI secolo.

(esaurito)

Vincenzo Littara, Descrizione dell'antica Noto e del suo territorio - Traduzione e note di Francesco Balsamo, Rosolini 1999

Si tratta della traduzione della Netinae Urbis topographia dell'umanista netino, nella quale si accenna alle istituzioni e ai monumenti della città e si descrivono le caratteristiche geografiche e le antichità del suo vasto territorio.

Francesco Balsamo, “apresso a Sancto Corrado”, Rosolini 1999

L'opuscolo, riccamente illustrato anche con foto del primo Novecento, è stato reso possibile dall'attenta rilettura delle fonti, unita ad una approfondita ricerca archivistica. È stata così ricostruita la storia della processione di S. Corrado, da quella improvvisata del 28 agosto 1515, subito dopo la beatificazione, a quella dell'agosto 2000, quando l'Arca venne portata in processione notturna all'Eremo dei Pizzoni, seguita da immensa folla di fedeli. In copertina è l'elaborazione informatica di un affresco della Cattedrale di Piacenza, città natale del Santo.


  Aggiornato il 21 feb 2010 segreteria@isvna.it